loader

Allergie Respiratorie
Obiettivo Benessere

LE ALLERGIE RESPIRATORIE...

sono un cattivo funzionamento del sistema di difesa del nostro corpo (c.d sistema “immunitario”) che porta l’organismo a reagire in modo eccessivo a contatto con sostanze innocue presenti nell’atmosfera. Naso, occhi e bronchi sono gli organi colpiti dagli allergeni respiratori.
I principali allergeni respiratori sono presenti nell’atmosfera e includono: gli acari della polvere, i pollini, il pelo animale e le muffe. La loro inalazione causa reazioni infiammatorie in naso, occhi, gola e bronchi.

Fonte: www.federasmaeallergie.org

LA RINITE ALLERGICA...

La rinite allergica non è contagiosa e non è quasi mai accompagnata da tosse. E’ caratterizzata da starnuti e prurito a livello del naso, che spesso cola ed è chiuso. Può essere intermittente, quando si presenta in particolari periodi dell’anno(per esempio a causa dei pollini), o persistente, quando si manifesta tutto l’anno (per es. a causa degli acari o per la presenza di un animale domestico).
Caratteristico dei bambini con rinite allergica è il gesto di strofinarsi il naso con la mano con un movimento dal basso verso l’alto.

Sintomi:
-congiuntivite(arrossamento della congiuntiva oculare); la congiuntivite è anche uno dei sintomi più precoci(si possono iniziare ad avere, infatti, “occhi rossi” con bruciore, lacrimazione ed intolleranza alla luce diretta anche un anno prima dell’insorgenza della rinite).
-starnuti con prurito al naso e/o in gola
-rinite acquosa
-naso chiuso con difficoltà respiratoria, soprattutto notturna
-mal di testa
-tosse notturna, specie in età pediatrica
A causa di questi sintomi il 40% degli intervistati dichiara di non dormire bene la notte, il 28,3% di avere difficoltà a concentrarsi e il 26% di rinunciare a stare all'aria aperta.

Fonte: www.salute24.ilsole24ore.com

 

  • Non sottovalutare la persistenza di sintomi nasali (naso ostruito, muco liquido e trasparente, difficoltà respiratoria soprattutto notturna)

  • La rinite allergica non va assolutamente trascurata in quanto essa ha ricadute importanti sulla qualità di vita (riduzione del la performance scolastica e/o lavorativa, interferenza con il riposo notturno, ecc.)

  • Se trascurata può contribuire allo sviluppo di ulteriori problemi di salute (per es. asma bronchiale)

  • Rivolgersi precocemente al proprio medico curante o allo specialista; ciò consente di affrontare la rinite nella maniera corretta fin dall’esordio dei sintomi, migliorando così la qualità di vita e riducendo il rischio di complicanze.

  • Rivolgersi allo specialista allergologo; ciò ai fini dell’individuazione, con dei semplici test cutanei o mediante esami ematici, degli eventuali allergeni scatenanti la reazione allergica a livello delle vie aeree.

  • In caso di documentata allergia ai pollini è fondamentale tenere conto dei periodi nei quali il polline è presente nell’aria. Il periodo può variare considerevolmente in base al tipo di polline, al clima, alla stagionalità ed alla zona geografica.
    E’ possibile consultare via internet il calendario pollinico sia sui siti delle asl e delle varie regioni italiane sia scaricare l’App gratuita da www.ilpolline.it per tracciare una mappa della distribuzione dei pollini nei mesi a rischio(in particolare Aprile-Maggio e Giugno)

  • Utilizzare correttamente le terapie consigliate; affinché siano efficaci, le terapie devono essere assunte con precisione secondo la prescrizione medica. Nel caso degli spray nasali, così importanti nel trattamento della rinite, è anche importante la modalità di somministrazione.

 

Per approfondimenti visita il link:
www.allergiaesalute.it

 

Continua

Le Malattie da Raffreddamento
Obiettivo Benessere

Le “malattie da raffreddamento” sono patologie che colpiscono le prime vie respiratorie ed in particolare naso e gola.

IL RAFFREDDORE...

Il raffreddore è il malanno stagionale più comune sia tra gli adulti sia tra i bambini, che tendono a sperimentarlo più volte nell’arco dei mesi autunnali e invernali (fino a 7-10 volte all'anno).
A provocarlo sono oltre 200 tipi di virus diversi (ma in prevalenza rinovirus e coronavirus) che si trasmettono per lo più per via respiratoria.
I rinovirus vivono meglio quando il clima è mite (quindi in primavera ed estate), provocando fastidiosi sintomi "fuori stagione".
I coronavirus, invece, tendono a diffondersi e a colpire soprattutto quando la temperatura ambientale si abbassa e le difese immunitarie dell'apparato respiratorio e dell'organismo in generale si riducono a causa del freddo, degli sbalzi di temperatura, dello smog o di altri fattori ambientali sfavorevoli.

Fonte: National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID)

LA TOSSE...

La tosse è un meccanismo di difesa adottato dall'organismo per evitare che sostanze estranee o microrganismi potenzialmente dannosi entrati accidentalmente nella trachea riescano ad arrivare fino ai polmoni. Le cause della tosse sono numerose e molto diverse tra loro.

Le più comuni sono:
- le infiammazioni che coinvolgono le prime vie aeree (laringite, faringite).
- l’accumulo di muco nelle vie aeree superiori (in particolare nei bronchi)provocato da infezioni respiratorie, dall'abitudine al fumo o dall'azione irritante degli acidi gastrici nel caso di reflusso gastroesofageo.

Altre forme di tosse:
Si tratta di forme di tosse cronica persistente associate a patologie respiratorie (come la broncopneumopatia cronica ostruttiva e l'asma) o all'assunzione di alcuni farmaci (come ad esempio gli ACE-inibitori usati per il trattamento dell'ipertensione).

Fonte: National Heart Lung and Blood Institute

IL MAL DI GOLA...

Il mal di gola è uno dei fastidi che portano più di frequente a consultare il medico, senza che ve ne sia una reale necessità.
Nella maggioranza dei casi, infatti, il mal di gola è un disturbo benigno che insorge come conseguenza di un'infezione respiratoria virale o dell'azione di agenti irritanti (inquinamento atmosferico, fumo, aria fredda, ecc.) e che tende a risolversi spontaneamente nell'arco di qualche giorno.
A seconda della parte colpita si parla di faringiti (tipicamente associate al raffreddore), tracheiti o laringiti (riconoscibili perché accompagnate da abbassamento della voce o afonia).
Le tonsilliti possono essere di natura batterica e richiedere un trattamento antibiotico.
Il mal di gola compare molto spesso nel contesto di una sindrome influenzale o in concomitanza di un raffreddore molto intenso.
Le strategie migliori per prevenirlo sono cercare di evitare le malattie che possono indurlo attraverso la vaccinazione stagionale (nel caso di sindrome influenzale) e di adottare alcuni accorgimenti in grado di ridurre il contagio (lavare frequentemente le mani , evitare i luoghi affollati durante la stagione influenzale, seguire uno stile di vita sano).
Il mal di gola, come fenomeno isolato, tende a manifestarsi più spesso in soggetti predisposti.

Per ridurre la probabilità di esserne colpiti è utile:
- evitare di permanere a lungo e di svolgere attività fisica in ambienti freddi
- evitare sbalzi di temperatura
- coprire collo e bocca con una sciarpa quando si è all'aperto
- bere molti liquidi tiepidi o a temperatura ambiente
- evitare cibi e bevande dall'azione irritante
- evitare il fumo e l'esposizione a smog o altri agenti atmosferici irritanti

Fonte: Mayo Clinic

 

  • Non trascurare mai l’importanza del lavaggio delle mani (in assenza di acqua è consigliabile l’uso di gel alcolici)

  • La buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare* i fazzoletti e lavarsi spesso le mani)

  • L’isolamento volontario, a casa, delle persone con malattie respiratorie febbrili, specie in fase iniziale

  • L’uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologie influenzali, quando si trovano in ambienti sanitari (come gli ospedali)

  • * usare preferibilmente fazzolettini di carta, gettandoli in un contenitore rifiuti subito dopo l’uso; anche i fazzoletti di stoffa non dovrebbero essere usati più volte e dovrebbero essere lavati dopo ammollo in acqua molto calda (60°C)

 

Per approfondimenti visita il link:
www.trovanorme.salute.gov.it

 

All’interno di un sano e corretto stile di vita è possibile ricorrere all’utilizzo di specifici integratori alimentari a sostegno del proprio benessere

 

Continua

 

 

 

Disclaimer:
Le informazioni riportate nelle pagine sono a solo scopo informativo e risultano tratte da un’ampia e qualificata sitografia presente in internet. La finalità è quella di rispettare e mantenere la natura della rete: la facile reperibilità delle informazioni. Le informazioni che vengono date nelle pagine non intendono in alcun modo trattare e curare alcuna malattia o patologia. Esse vanno intese unicamente come attività di servizio ai fini della divulgazione della prevenzione, in particolare degli stili di vita salutari.