loader

Il Benessere del sistema
Muscolo-scheletrico

ll sistema muscolo-scheletrico è costituito dall’insieme di ossa, articolazioni e muscoli funzionalmente integrate fra loro...

Ogni nostro movimento e ogni nostra posizione dipendono dal funzionamento del sistema muscolo-scheletrico.
I disturbi muscolo-scheletrici si manifestano nel momento in cui la capacità fisica di muscoli, tendini e articolazioni non è in equilibrio con le forze che agiscono sul corpo.
Le cause possono essere di tipo esterno (ovvero dovute a traumi acuti, fratture, decorsi post-chirurgici, ecc.) ma nella maggioranza dei casi, si tratta di disordini cumulativi (che risultano cioè dall’esposizione ripetuta a forze esterne, di alta o bassa intensità che, nel tempo, vanno ad alterare in maniera inesorabile gli equilibri). I disturbi muscolo-scheletrici sono molto comuni e possono colpire tutte le età, provocando disabilità e, spesso, handicap.
In realtà, la definizione di disturbi muscolo-scheletrici non è specifica in quanto comprende una varietà di differenti malattie che provocano dolore o sensazione di fastidio nelle ossa, articolazioni, muscoli o strutture circostanti. Uno stile di vita inadeguato (in particolare obesità e ridotta attività fisica) e l’avanzare dell’età contribuiscono ad aumentare la prevalenza di molte di queste patologie.
Nel ventennio 1990-2010, le patologie afferenti al sistema muscolo-scheletrico (mal di schiena, cervicalgie, artrosi, artrite, osteoporosi e altre Mms), sono risultate essere tra le più invalidanti in termini di anni di vita persi a causa della disabilità (Dalys, Disability Adjusted Life Year) e di anni di vita vissuti con disabilità (Ylds, Years of Life lived with Disability).

Una diagnosi precoce e un trattamento adeguato comporterebbero una riduzione della disabilità e un miglioramento della prognosi e dell’aspettativa di vita.

È utile sottolineare che le misure di prevenzione più efficaci nei confronti di artrosi, osteoporosi e di fratture nei pazienti ultra 65enni, in termini di miglioramento della qualità della vita, riduzione dei costi diretti (farmaci, trattamenti chirurgici, cure riabilitative) e indiretti (giornate di assenza dal lavoro) sono rappresentate in particolar modo dall’adozione di adeguati stili di vita, dal contrasto alla sedentarietà e dal controllo del peso.

Per approfondimenti visita i links:
www.epicentro.iss.it
content.govdelivery.com

 

Muoversi quotidianamente produce effetti positivi sulla salute fisica e psichica della persona. Gli studi scientifici che ne confermano gli effetti benefici sono ormai innumerevoli e mettono in luce che l'attività fisica:

  • previene e riduce l'osteoporosi e il rischio di fratture, ma anche i disturbi muscolo-scheletrici (per esempio il mal di schiena)
  • migliora la tolleranza al glucosio e riduce il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2 previene l'ipercolesterolemia e l'ipertensione e riduce i livelli della pressione arteriosa e del colesterolo
  • diminuisce il rischio di sviluppo di malattie cardiache e di diversi tumori, come quelli del colon e del seno
  • riduce il rischio di morte prematura, in particolare quella causata da infarto e altre malattie cardiache
  • riduce i sintomi di ansia, stress e depressione
  • previene, specialmente tra i bambini e i giovani, i comportamenti a rischio come l'uso di tabacco, alcol, diete non sane e atteggiamenti violenti e favorisce il benessere psicologico attraverso lo sviluppo dell'autostima, dell'autonomia e facilità la gestione dell'ansia e delle situazioni stressanti
  • produce dispendio energetico e la diminuzione del rischio di obesità

 

Per approfondimenti visita il link:
www.salute.gov.it

 

All’interno di un sano e corretto stile di vita è possibile ricorrere all’utilizzo di specifici integratori alimentari a sostegno del proprio benessere

 

Continua

Forza e Benessere

Mantenere la massa muscolare è fondamentale per sostenere il metabolismo, le difese immunitarie, la forza fisica e la vitalità...

La sarcopenia (perdita di massa muscolare) è un processo progressivo correlato con l'età, che può essere prevenuto attraverso un adeguato apporto proteico e l'attività fisica.
L'assunzione corretta di aminoacidi ad ogni pasto è una condizione fondamentale per riattivare la sintesi proteica muscolare ad ogni età.
Sin dall’infanzia sarebbe opportuno addottare un regime alimentare completo e bilanciato unito ad una regolare un'attività fisica (più si raggiunge un picco di massa muscolare elevato, fino a 35-40 anni di età, maggiore è la probabilità di contrastarne la perdita).

 

  • fare esercizio fisico costante; l'esercizio può essere di tipo aerobico: passeggiata, corsa leggera, nuoto, bicicletta, ma anche di controresistenza, ovvero sollevamento di piccoli pesi con l'ausilio di macchine e attrezzi in palestra

  • le raccomandazioni odierne prevedono, anche nell'anziano, l'assunzione di 0,8-1,2 grammi pro-chilo di proteine al giorno, in assenza di malattie legate all'insufficienza renale

  • l'apporto di 25/30 grammi di proteine di alta qualità ad ogni pasto e un'attività fisica regolare sono in grado di stimolare efficacemente la sintesi proteica muscolare e prevenire la sarcopenia

  • chiedi al tuo medico se la tua alimentazione quotidiana è adeguata alle tue esigenze fisiche

 

Per approfondimenti visita il link:
www.difesa.it


 

All’interno di un sano e corretto stile di vita è possibile ricorrere all’utilizzo di specifici integratori alimentari a sostegno del proprio benessere

 

Continua

Il Benessere Osteoarticolare

Ogni articolazione all’interno è ricoperta da un tessuto, la cartilagine...

La cartilagine:
non è vascolarizzata, per cui ha scarsa tendenza alla riparazione spontanea;
non e' innervata, per cui non provoca dolore;
si nutre del liquido che si trova all'interno del ginocchio (liquido sinoviale);
e' il tessuto ideale per sopportare le sollecitazioni di carico.

Molteplici cause usurano la cartilagine:
i traumatismi(che colpiscono specialmente i giovani);
le cause reumatiche(per es. l’artrite reumatoide);
le alterazioni del carico: varismo, valgismo (ginocchia storte).
Le cause più frequenti di usura della cartilagine sono dovute alle alterazioni del carico.

Per approfondimenti visita il link:
www.sanitafacile.it

 

Prendendoti maggiormente cura di tè stesso in senso globale.

Dimagrire se sei in sovrappeso. Ci sono studi che dimostrano come una diminuzione di soli 5 Kg sia in grado di ridurre l'incidenza di gonalgia.
Meno pesi, minore è il carico che il ginocchio deve sopportare. Può essere utile il supporto dello specialista nutrizionista.

Fare movimento: chiaramente nelle fasi in cui il ginocchio ti fa meno male.
Devi considerare che questa malattia, l’Osteoartrosi, alterna periodi di benessere a periodi di dolore in maniera bizzarra, senza motivazioni specifiche e che non sempre la gravità dell'artrosi è proporzionale al dolore. E' opportuno tonificare le masse muscolari che, per il non uso, sono divenute meno toniche e ipotrofiche, camminare molto, fare cyclette oppure bicicletta su strada, terapia in acqua, per la quale non è necessario saper nuotare. Per una corretta riabilitazione sarebbe opportuno affidarsi a specifici centri.

Utilizzare presidi ortopedici (plantari) da posizionare all'interno delle calzature per correggere il varo/valgo e ginocchiere particolari.

Terapia farmacologica: all’inizio sarebbe più opportuno utilizzare farmaci con meno effetti collaterali e nella dose minima, in grado di assicurare l’effetto terapeutico.

 

Per approfondimenti visita il link:
www.sanitafacile.it


All'interno di un sano e corretto stile di vita è possibile ricorrere all’utilizzo di specifici integratori alimentari per il mantenimento del benessere osteoarticolare

 

Continua

 

 

 

Disclaimer:
Le informazioni riportate nelle pagine sono a solo scopo informativo e risultano tratte da un’ampia e qualificata sitografia presente in internet. La finalità è quella di rispettare e mantenere la natura della rete: la facile reperibilità delle informazioni. Le informazioni che vengono date nelle pagine non intendono in alcun modo trattare e curare alcuna malattia o patologia. Esse vanno intese unicamente come attività di servizio ai fini della divulgazione della prevenzione, in particolare degli stili di vita salutari.